Proud Land

Conoscenza, emozione, paesaggi, borghi e cibo delizioso ti condurranno in un percorso solidale e autentico, come l’Umbria seppur ferita dal sisma sa offrire.

ROUTE – PROUD LAND

Valnerina, uno splendido territorio ricco di storia, tradizioni popolari e gastronomia, una verde vallata che prende il nome proprio dal fiume che l’attraversa, il Nera.

Proud Land è un itinerario ad anello di 180 km 4650 dislivello positivo che unisce i comuni Umbri colpiti dal sisma 2016, un percorso di conoscenza dell’ambiente e delle persone che vivono ancora nei luoghi feriti, le quali dimostrano tenacia e attaccamento alla propria terra.

SCHEDA TECNICA
LUNGHEZZA

180 KM

STERRATO

65%

DIFFICOLTA'

4/5

DISLIVELLO

4.650 M

IN SELLA

98%

DURATA

3 GIORNI

PARTENZA / ARRIVO

Da Norcia l’itinerario prende il via raggiungendo in ordine Preci, Monteleone di Spoleto e Cascia per poi chiudere l’anello a Norcia.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Lasciata Norcia hai 5 km pianeggianti per riscaldare la gamba prima di rompere il ghiaccio con la salita di 22 km su asfalto che ti porta fino al  Pian Grande di Castelluccio di Norcia. (esiste anche una opzione off-road ma serve un’ottimo allenamento e voglia di spingere la bici). Raggiunto Castelluccio di Norcia, la route è principalmente su sterrato, pertanto devi essere pronto ad affrontare qualche tratto più ruvido  o con terreno smosso. Per altri brevi tratti, puoi trovare il terreno leggermente sporco e se percorsi con tempo umido del fango. Non presenta comunque particolari difficoltà tecniche anche se qualche salita è caratterizzata da pendenze notevoli. Il percorso è interamente percorribile in sella, eccetto qualche eventuale ma semmai breve sezione a spinta o tratto pedonale utile poi anche per ammirare il panorama.

BICI E CONFIGURAZIONE

Una gravel con copertoni tubeless almeno con sezione da 42 mm + e dotata di rapporti adeguati ad un percorso di montagna è necessaria. Non sottovalutare il terreno da affrontare o le pendenze da percorrere, scegli un’assetto bikepacking giusto per te, in quanto una bici troppo carica renderebbe la guida poco fluida e poco agile. Copertoni troppo fini potrebbero risultare insufficienti su qualche tratto. Puoi percorrere l’itinerario anche con una mountain bike, in qualche la trovi anche più adatta.

TAPPE – PERNOTTO

L’itinerario richiede  2/3 giorni . Le strutture consigliate , indicate sulla guida ti aiutano a suddividere i km e il dislivello in modo omogeneo. Incontri anche altre strutture lungo il percorso  per rendere l’avventura adatta alla tua andatura preferita . E’ consigliato pianificare in anticipo le tappe. Per chi volesse affrontare in autonomia l’avventura, posti dove piazzare la tenda non mancano eccetto la zona dei Piani di  Castelluccio dove è vietato.  Varie strutture offrono anche la possibilità  di piazzare la tenda all’esterno usufruendo allo stesso modo dei servizi. Nella guida digitale trovi tutte le info utili.

DA SAPERE
  • Valnerina – E’ la valle del fiume Nera dalle sue sorgenti nei Monti Sibillini fino alla Conca Ternana dove il fiume prosegue per confluire poi nel Tevere.
  • Sisma 2016 – Nel 2016 un violento sisma ha interessato la Valnerina colpendo in particolare per i paesi di Norcia, Cascia e Preci.
  • Campeggio – Per chi volesse venire in tenda, posti non mancano, alcune strutture permettono il montaggio della tenda all’esterno usufruendo dei servizi. Hai alcune opzioni per suddividere l’avventura in modo omogeneo – indicazioni e contatti sulla guida.
  • Cibo e acqua– Tappa d’obbligo al ristorante il Castoro in loc. Preci, cucina tradizionale e porzioni abbondanti. Trovi facilmente acqua potabile grazie alle fontane presenti nei borghi. Durante il percorso puoi soddisfare la fame entrando nelle norcinerie ricche di prodotti locali che incontri nei pressi dei centri storici.
  • Rifornimento  Incontri ristoranti, alimentari e bar in tutte le località attraversate.
  • La stagione migliore – Va da inizio primavera alla fine dell’ autunno sia per le condizioni climatiche sia perché in altri periodi qualche struttura potrebbe essere chiusa. Tra la metà di Giugno alla fine di Luglio si può ammirare la stupenda fioritura sul Pian Grande di Castelluccio…però occhio al traffico.
IMMAGINE

PROUD LAND

Conoscenza, emozione, paesaggi, borghi e cibo delizioso ti condurranno in un percorso solidale e autentico, come l’Umbria seppur ferita in queste zone  sa offrire.